Consigli
da lavoro dipendente a freelance

Da lavoratori dipendenti a freelance, una scelta sempre più diffusa 

Quella di passare dal lavoro dipendente a freelance è una condizione sempre più consapevole e diffusa, sempre meno frutto di una scelta passiva obbligata dalla perdita di un lavoro precedente.

 Secondo un interessante sondaggio condotto nel 2018 dalle società di consulenza Eden McCallum e la London Business School, su 307 consulenti indipendenti e 94 dipendenti in Europa e Nord America, la maggior parte ha sceltoconsapevolmente di avviarsi alla libera professione e solo il 10% ha dichiarato di essere costretto in seguito ad un licenziamento.

I due terzi hanno intenzione di rimanere indipendenti per più di tre anni ed il 90% del campione ha riferito di essere più che soddisfatto della propria vita professionale.

 

Più incertezza, una progressione di carriera meno chiara e tangibile e grandi oscillazioni sia nel lavoro che nel reddito, nel corso del tempo. Di fronte a questi contro, sono molti i pro che fanno pendere la bilancia in favore del lavoro indipendente: maggiore flessibilità nel coniugare lavoro e vita privata, maggiore gratificazione nel lavoro, flessibilità e maggiore libertà nel districarsi tra lavoro e vita privata.

Da lavoro dipendente a freelance: le aziende cosa si adeguano alle nuove tendenze?

Una mossa molto saggia è quella di invogliare i lavoratori più talentuosi a restare in azienda, con dei benefit (non necessariamente e non solo economici) per dissuaderli dal mettersi in proprio.

  •       Offrire ai dipendenti più scelta e controllo sul lavoro che svolgono, avere maggiore discrezione sugli orari, sulle modalità e sugli obiettivi, dà la percezione che il lavoro svolto sia significativo e prezioso per i clienti.
  •       Offrire maggiore flessibilità: i lavoratori hanno bisogno di organizzare il proprio lavoro secondo i propri ritmi e sentire che approfittare delle politiche di flessibilità non sarà percepito come mancanza di impegno.
  •       Riesaminare le politiche aziendali sconvenienti come il congedo parentale minimo, le aspettative elevate per i viaggi, la disponibilità h24 per i clienti e le promozioni basate sulla “presenza” piuttosto che sugli obiettivi raggiunti che rendono più allettante l’autonomia e la flessibilità offerte dal lavoro indipendente.

Insomma, se le aziende vogliono adeguarsi ai tempi e non farsi scappare i lavoratori migliori, devono rimodellare i propri schemi su quelli del lavoro indipendente con un maggiore orientamento ai risultati, piuttosto che alle presenze.

Share this Story
Load More Related Articles
Load More By Redazione
Load More In Consigli

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Check Also

Dalla Sicilia con furore. Le start up siciliane alla conquista di Smau

Una partnership consolidata quella che lega la Regione ...


La prima community per aziende e professionisti che utilizzano il work for equity per la remunerazione delle collaborazioni professionali. Entra in Skill4Equity

Facebook

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Se prosegui nella navigazione del sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi di più Ok